Logo

Newsletter

Galleria fotografica

foto-gallery foto-gallery2 foto-gallery6 foto-gallery4 foto-gallery7 foto-gallery3

Slideshow

Vocazione che ci cambia e dà il senso giusto alla vita!!!!

Il 18 e il 19 Gennaio a Serracapriola ha avuto luogo il terzo week-end vocazionale per i giovani in ricerca. Il tema portato avanti è quello che sta guidando il cammino di questo anno 2013-2014: Prendi Gesù nella tua barca!

Le figure che durante questi due giorni ci hanno accompagnato nella riflessione, sono state due persone che effettivamente hanno preso “Gesù nella loro barca” e si sono fatti guidare da lui in ogni singolo momento della loro vita. Sto parlando di San Francesco di Assisi e di San Pio da Pietrelcina.

Il week-end si è svolto in maniera molto semplice. La sera del Sabato ci sono stati due momenti importanti: il primo è stata la catechesi condotta da fr. Orazio Renzetti che ci ha parlato della figura di San Francesco e il secondo il momento di preghiera preparato dai frati post-novizi.

La Domenica invece c’è stata la Celebrazione Eucaristica e il momento di condivisione sull’esperienza vissuta. Tutto questo è stato intervallato da momenti di fraternità, di gioia, di condivisione dei pasti e dal confronto personale di noi ragazzi con i frati.

Dalle riflessioni fatte in questi due giorni così semplici ma intensi, è emerso che Francesco e Pio hanno impegnato tutta la loro vita nel seguire Gesù, tutto il loro essere veramente uomini .

Ciò che ci ha colpito è stato notare la determinazione che san Francesco ha avuto nel lottare per raggiungere il suo sogno. È qual è stato il sogno di Francesco? Possedere in tutto e per tutto l’unico e solo vero tesoro: Gesù! Un tesoro che gli ha cambiato la vita. Un tesoro che lo ha reso un uomo nuovo. Ma per fare ciò Francesco ha combattuto. E le sue armi sono state la Parola di Dio e la preghiera che gli hanno permesso di conservare la felicità, la speranza  e la capacità di continuare a cercare quel tesoro che già aveva trovato.

Cari fratelli di cammino allora il nostro tesoro qual è? È la nostra vocazione. Vocazione che va custodita all’insegna della preghiera e del timore di non deludere Gesù. Cerchiamo la nostra grotta personale, dentro la quale fare esperienza di Gesù, dove poter dare a lui la possibilità di cambiarci. Solo così potremo essere uomini nuovi come Francesco in grado di portare Gesù a chi ci sta a fianco.

Gesù chiamandoci ci sta dando una grande possibilità e quando si capisce la grandezza di questa chiamata non si può far altro che rispondere affermativamente a essa.

La strada è lunga, ma bella, soprattutto perché Dio non ci lascia soli, è sempre accanto a noi e ci mette accanto dei fratelli, proprio come ha fatto con san Francesco.

Mi piace concludere questa breve condivisione con l’immagine che quest’anno ci accompagna: la barca. Tutti noi facciamo parte di una grande barca che cammina guidata da Gesù. Gesù è al timone e ci guida nel mare aperto. Però nel mare, ci sono anche le correnti e può succedere che con il passare del tempo i pezzi di legno che formano la barca, con lo sbattere delle onde, possano distaccarsi e perdersi. Ognuno di noi è un pezzo di legno di questa barca e insieme dobbiamo impegnarci a rimanere uniti e continuare a essere barca, per camminare fino alla conquista del traguardo, del tesoro, che non è altro che la nostra vocazione:

Vocazione che ci cambia e dà il senso giusto alla vita!!!   Pace e bene!!!!

Durante la catechesi di fr. Orazio

I commenti sono chiusi.

Seminario Frati Cappuccini Isernia
Casa accoglienza San Marco la Catola
Monastero invisibile
Sostienici con un'offerta
Maria Pyle
PGV
Voce di Padre Pio
Teleradio Padre Pio
Edizioni Padre Pio